Loading...

Coronavirus, scuole chiuse a Lauro. Tamponi per i rientrati dalle zone colpite

Lungo summit questo pomeriggio in Prefettura tra il massimo rappresentante di Governo, il Prefetto Paola Spena, l’Asl, l’azienda ospedaliera Moscati, le forze dell’ordine ed alcuni sindaci delle zone più esposte in questo momento. Nessuna decisione drastica, anzi, vince la strada della tranquillità. Provvedimenti cautelativi.

Scuole aperte regolarmente, chiuse soltanto nel Comune di Lauro fino a data da destinarsi come annunciato dal Sindaco Bossone. Le persone sotto sorveglianza sanitaria, perché provenienti dalle zone a rischio del Nord, nei comuni di Lauro, Moschiano, Taurano, Carife, Solofra e Montefusco, saranno sottoposte domani al tampone. Sarà un elemento utile per le successive valutazioni. I Sindaci hanno effettuato delle comunicazioni, non ordinanze o provvedimenti, per esortare la popolazione ad informare le Amministrazioni in caso di rientro dalle zone maggiormente colpite.

Queste le dichiarazioni del Prefetto Paola Spena: “Allo stato non c’è l’esigenza di chiusura delle scuole o annullamento di manifestazioni pubbliche. Tutto ciò che stiamo vedendo potrebbe avere qualche sviluppo. Guardia alta, ma non ci sono motivi di preoccupazione. Le strutture sanitarie sono attrezzate per far fronte all’emergenza. Non ci sono motivi di preoccupazione”.

Queste invece le dichiarazioni di Maria Morgante, direttore generale dell’ASL: “Avere i risultati dei tamponi non significa dare il via libera alle persone in isolamento. Aspetteremo comunque il termine del 14esimo giorno. Moscati attrezzato per i tamponi? De Luca ha dato disposizioni affinché il Moscati, così come altre aziende ospedaliere, possa acquistare i tamponi, così da non concentrarsi tutti sul Cotugno di Napoli. Il tampone sarà effettuato a domicilio del cittadino, tutti coloro che provengono dalle zone a rischio saranno visitati dal medico competente a domicilio”.

Loading...