Loading...

CORONAVIRUS AVELLINO – Intervenuto a #YTalk Attualità, l’approfondimento in onda in streaming sul nostro canale YouTube Y Tv, l’Assessore del Comune di Avellino Stefano Luongo, con delega al Patrimonio, agli Eventi e alle Politiche Giovanili, ha fatto il punto sulle iniziative e gli interventi messi in campo dall’Amministrazione del capoluogo irpino in regime di Covid-19.

La trasmissione si è svolta in interazione con gli studenti del YLab for social and digital innovation, in comparazione con un’altra realtà, quella della città di Trento, con ospite il Vicesindaco dott. ssa Mariachiara Franzoia.

VIDEO/ Luongo a YTalk: “Calma, si lavori sulle misure economiche. Impensabile riaprire le spiagge”

Luongo ha analizzato l’immediato futuro con l’avvento della Fase 2 prevista per il mese di maggio, predicando calma e prudenza in vista delle prossime decisioni: “Serve calma. Gli enti devono fare la propria parte. Noi stiamo procedendo all’acquisto di 55mila mascherine da dare ai cittadini, stiamo lavorando affinché quando ci sarà la riapertura delle prime attività si possa fare tutto in sicurezza. Non dobbiamo avere fretta. Sarebbe rischioso creare un boomerang. Ci sarà il tempo per riappropriarsi delle abitudini. Una proposta che non capisco è quella della riapertura delle spiagge, non capisco come si possa pensare di andare in spiaggia a fine maggio normalmente. Non sono decisioni che spettano a me perché non ne ho le competenze, ma basta un po’ di logica. I Governi e le Regioni dovrebbero, oltre che avere un approccio prudente, lavorare sulle misure economiche, che sono le più importanti. Se non si muore di Covid, si muore di fame“.

Inizialmente, Luongo ha riassunto le iniziative e gli interventi messi in campo dal Comune di Avellino: “Vista l’emergenza, – ha detto Luongo – abbiamo subito messo in campo delle misure ben precise: una in materia sanitaria, cercando di integrare l’operato delle ASL e della Regione, fornendo ed implementando test rapidi. Avellino, infatti, è stato il primo capoluogo ad effettuarli, e tuttora sta completando questo screening per individuare eventuali asintomatici, che avrebbero potuto allargare l’epidemia.

Dall’altra parte, un Comune deve dimostrare in queste situazioni di essere vicino alle persone in difficoltà: prima del bonus Conte, avevamo già in mente di erogare voucher ai nuclei familiari attualmente in difficoltà, usufruendo di alcuni fondi regionali. Poi, è stato possibile ampliare tutto ciò grazie agli ulteriori 300.000 euro arrivati dal Governo Conte. Per non tralasciare anche l’aspetto psicologico, abbiamo deciso di creare ed avviare un contest sui social, CoronaVintus, che potesse dar spazio alla creatività, alle capacità e alle idee delle persone costrette in quarantena. Un qualcosa che ha avuto anche un ottimo riscontro, stando ai numeri, quindi siamo rimasti davvero contenti e soddisfatti dell’iniziativa”.

In conclusione, un commento sulla percezione dei cittadini rispetto a quanto attuato dall’Amministrazione Comunale: “A mio modo di vedere la cittadinanza di Avellino ha avuto la percezione che ci fosse un’Amministrazione sempre al lavoro per la propria comunità. Sento una continua volontà, da parte delle persone, di avere da parte di uffici pubblici e Amministratori delle risposte concrete. Sappiamo bene una cosa: esistono ancora delle criticità e delle problematiche che riguardano coloro che hanno dovuto stoppare le proprie attività produttive. È importante programmare una nuova forma di sviluppo perché ci sono delle categorie che aspettano ancora risposte”.

YTALK ATTUALITÀ: GUARDA IL VIDEO COMPLETO

Leggi anche:

Incidente a Montefalcione: morto un uomo di 37 anni (Video)

Avellino, Giovannina festeggia i 100 anni dal balcone di casa (Video)

Nato il 26 dicembre 1996 ad Avellino, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Salerno e attuale studente di Corporate Communication e Media all’Unisa. Tra pane e pallone, lascia spazio anche ad altri temi in ambito giornalistico.
Loading...